Gli sviluppatori stanno cercando tutti i modi possibili per aggirare il metodo anti tracciamento di Apple

La stanno già chiamando “Adpocaliypse”, ovvero apocalisse della pubblicità. Ricordiamo infatti che a breve Apple, per evitare il tracciamento degli utenti tra le diverse app, chiederà agli utenti se vogliono condividere con quella singola app l’identificativo pubblicitario, il numero anonimo che permette ai possessori di due o più applicazioni di capire se la persona che le sta usando è la stessa persona o sono persone distinte. Il mondo della pubblicità vive su questa informazione, e aziende come Facebook prevedono un crollo degli utili se le persone, quando comparirà il popup, premeranno “non condividi”. Abbiamo già approfondito questo argomento nei giorni scorsi, e si può leggere l’approfondimento qui sotto.

Cosa sta succedendo tra Facebook e Apple. Scontro globale su privacy e pubblicità

Vai all'approfondimento

C’è però un problema: sembra infatti che gli sviluppatori non si siano arresi e che stiano cercando altre soluzioni per tracciare gli utenti. L’IDFA, il codice di ogni smartphone che a breve gli utenti potranno scegliere se condividere oppure no, era una soluzione alla luce del sole, una sorta di standard condiviso. La nuova politica di Apple, secondo alcuni sviluppatori di videogiochi per smartphone, li obbligherà a usare tecniche come il device fingerprint oppure l’identificazione tramite profilo digitale. Cercheranno di usare l’hardware del dispositivo, oppure informazioni sul tipo di connessione usata, la risoluzione dello schermo, la quantità di memoria per creare un “hash” che diventa a sua volta una firma quasi unica.
Tecniche queste che non sarebbero concesse dall’AppStore e dalle sue regole, ma che sono anche difficili da identificare. Una sorta di scorciatoia illegale, un rischio: se Apple lo scopre l’applicazione viene eliminata dall’AppStore. Un rischio che però di fronte alla possibilità di veder calare gli introiti legati proprio alla pubblicità molti sarebbero pronti a prendersi: tracciare gli utenti nel mercato del free to play è fondamentale per la sostenibilità del modello di business.

Il rischio concreto è che la mossa di Apple, al posto di rendere più sicuri gli utenti, porterà ad un innalzamento delle tecniche per aggirare il blocco, trovando soluzioni per tracciare gli utenti ancora più invasive e subdole. Una questione da seguire con molta attenzione.

Similar Articles:

Privacy: What Apple does and doesn’t know about you

Privacy: What Apple does and doesn’t know about you

Is Apple really better about privacy? Here's what we found out

Is Apple really better about privacy? Here's what we found out

[Update: Apple details delay] Apple reportedly delaying iOS 14 advertising privacy feature bashed by Facebook

[Update: Apple details delay] Apple reportedly delaying iOS 14 advertising privacy feature bashed by Facebook

Facebook argues Apple should let its apps like Messenger be default on iPhone

Facebook argues Apple should let its apps like Messenger be default on iPhone